Davide Bellombra

"Voce nel silenzio"

Archivio per il tag “bunga bunga”

Licenziato!!!

 CLAMOROSA ROTTURA TRA EMILIO FEDE E IL SUO STORICO TG4!!!

In una logica di rinnovamento editoriale della testata cambia la direzione del Tg4. Dopo una trattativa per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro non approdata a buon fine, Emilio Fede lascia l’azienda Mediaset. L’azienda lo ringrazia per il lavoro svolto in tanti anni di collaborazione e per il contributo assicurato alla nascita dell’informazione del gruppo.

Questo è il comunicato con cui ieri sera Mediaset ha ufficializzato il clamoroso licenziamento dopo 23 anni di Emilio Fede, il giornalista che ha creato l’informazione del Biscione e ha accompagnato con passione la lunghissima carriera politica di Berlusconi. In realtà con l’ex Presidente del Consiglio ha stretto un rapporto molto più forte della semplice collaborazione lavorativa e lo dimostra la sua presenza costante nello scandalo Bunga Bunga, in cui spiccano anche le “brillanti” figure di Lele Mora e Nicole Minetti. Ad accelerare la data dell’addio di Fede al suo storico tg, già prevista per la veneranda età del direttore, è stata la notizia della tentata esportazione in Svizzera di ben 2,5 milioni di euro, cifra giustamente rifiutata dalla banca per la sua incerta provenienza.

Quello che ci mancherà di lui non saranno certo le sue “imparziali” esclusive o i numerosi speciali in occasione delle vittorie elettorali del suo Silvio, ma i suoi divertentissimi fuori onda trasmessi costantemente da Striscia la notizia…

Che ridere!!!

Non ci dimenticheremo neanche le sue reazioni inimitabili di fronte alle intrusioni del fastidioso Paolini…

Guardate infine questo video struggente…

Chi non vorrebbe un amico fedele come lui???

Rai alternativa!

Ho scoperto solo ieri che nella Rai dell’integerrima Lorenza Lei, dove la parola “profilattico” divenne taboo in occasione della giornata mondiale contro l’Aids, dove preti e suore sono protagonisti indiscussi delle fiction, dove la farfallina di Belen scatenò fulmini e saette, sta andando in onda una serie molto alternativa.

Si tratta della serie televisiva Fisica o Chimica nata in Spagna nel 2008 e sbarcata in Italia nel 2010 su Rai4. Il telefilm ruota attorno le vite dei giovani professori e studenti del “Zurbaràn”, un liceo privato di Madrid e nella madrepatria ha persino vinto il Premio Ondas 2009 per la miglior serie e, nonostante le critiche negative ricevute al debutto, ha guadagnato un seguito di fan fedeli.

Ad aprire il dibattito sulla serie è stato recentemente il quotidiano Libero che attraverso la penna di Francesco Borgonovo ha gridato allo scandalo per il contenuto di Fisica o Chimica, definito un telefilm pornografico. Naturalmente prima di scrivere questo articolo mi sono documentato vedendo la puntata di oggi e devo ammettere che il contenuto è davvero forte: infatti nell’istituto privato di Madrid si consumano scambi di coppia, triangoli e rapporti tra professori e alunni. Il tema dominante è assolutamente il sesso che viene mostrato in tutte le innumerevoli varianti…si va dai rapporti etero a quelli omo e bisessuali, per poi passare attraverso ammucchiate e stupri. A destare scalpore è stato l’episodio in cui una giovane e attraente insegnante si intratteneva in effusioni con un allievo diciassettenne.

Tutto ciò ha scatenato l’ira dell’associazione cattolica AIART e del suo presidente Luca Borgomeo che ne ha chiesto la sospensione immediata.

Chiediamo la sospensione degli episodi di Fisica e chimica trasmessi su Rai4 alle 13:40. Le vite dei personaggi del telefilm, alunni ed insegnanti, si intrecciano in vicende ambigue a base di sesso, droga e trasgressione. La serie propone scene dirette che inducono i giovani al sesso spinto e all’omosessualità.

Carlo Freccero, direttore di Rai 4, ha risposto alla polemica con una dichiarazione rilasciata a TvBlog, con la quale si è dichiarato scandalizzato dalla richiesta di sospensione della serie.

Trovo tutto ciò scandaloso, perché la serie in questione la ritengo assolutamente pedagogica, tratta i temi del razzismo, dell’omosessualità fra i giovani, certo questi argomenti nella serie TV sono affrontati con realismo, ma sempre in chiave didattica. La sto riproponendo ora, visto che ho avuto tantissime richieste dai telespettatori che hanno scritto al nostro sito di Rai4 ed ho già comprato le nuove serie. Io mi chiedo come in un paese europeo, laico come è l’Italia, si possa chiedere in modo così perentorio ed integralista la sospensione di questa serie. Lo ripeto, sono profondamente scandalizzato e allibito. Voglio poi sottolineare che io ho rispettato tutte le regole e anche di più: ho fatto mettere il bollino rosso e l’ho messo in onda in un orario per cui si possono mandare in onda i programmi per adulti. Sono profondamente offeso da questa associazione, che non sa leggere la fiction di oggi e sono abituati che solo Don Matteo si può proporre in televisione.

Come avete letto ha creato parecchi problemi il fatto che gli orari della messa in onda siano le 9:30 e le 13:40, troppo accessibili a bambini e ad adolescenti. In realtà per essere onesti la fascia protetta del pomeriggio va dalle 16 alle 19 (prima i più piccoli sono ancora a scuola o all’asilo), anche se sinceramente io la posticiperei nel preserale ma non per evitare la visione ai ragazzini, come vorrebbe Libero, ma anzi per agevolarla visto che, come sottolinea il direttore di Rai4, molte tematiche possono essere istruttive come la necessità del preservativo per evitare la diffusione di malattie sessualmente trasmessibili, la gravità delle droghe anche se leggere, l’accetazione dell’omosessulità di un compagno e l’efficacia di un rapporto di solidarietà e non di astio tra docenti e studenti.

Naturalmente non è una serie facilmente sopportabile anche perchè esce dai rigidi schemi della morale italiana, ma da qui a gridare la sua censura mi sembra davvero eccessivo. Poi mica il giornalismo italiano si era scagliato con forza contro l’esternazione di Celentano sulla chiusura di Famiglia Cristiana e  de l’Avvenire???

Poi a farmi un po’ sorridere è il fatto che proprio un giornale di Berlusconi urli allo scandalo e sottolinei l’immoralità della serie dopo aver difeso per mesi bunga bunga e nipoti varie…ma questa è solo un’opinione personale!

2011: un anno di click!

L’anno sta quasi giungendo al termine ed è ora di tirare le somme di questo 2011…il primo a provarci è il famoso motore di ricerca Yahoo che ha pubblicato di recente la classifica delle parole, degli avvenimenti e dei personaggi più cercati in rete dagli italiani in questi 11 mesi. A spopolare nel web sono state le 3 B di Borsa, di Berlusconi e di Bunga Bunga, ma hanno raccolto grande successo anche eventi dalla portata internazionale come la morte di Gheddafi e il disastro di Fukushima. La prima posizione è occupata  per la seconda volta consecutiva dal social network Facebook, seguito a pochi passi dalla più grande scocciatura dell’anno in dirittura d’arrivo…il censimento 2011! New entry nella classifica delle keywords è la Borsa italiana, evidente conseguenza di questa terribile crisi, che non toglie però la voglia di svago e relax: infatti dalla seconda alla sesta posizione ritroviamo in ordine meteo, oroscopo, giochi, programmi tv e superenalotto.

Entriamo ora nello specifico…

Categoria eventi internazionali:

1) Dimissioni di Silvio Berlusconi

2) Crisi dell’ Eurozona

3) Disastro di Fukushima

4) Morte di Bin Laden

5) Guerra in Libia

6) Cattura di Gheddafi

10) Primavera araba

11) Occupy Wall Street

Categoria scandali politici:

1) Berlusconi e Bunga Bunga

2) arresto di Strauss-Kahn

3) vicenda del magnate australiano Murdoch e le intercettazioni

4) indagini su Penati e Milanese

5) caso escort e Tarantini

Categoria addii celebri:

1) campione di moto GP Marco Simoncelli

2) Amy Winehouse

3) Steve Jobs

4) Giuseppe D’Avanzo, giornalista di “Repubblica”

5)  editore Sergio Bonelli

Categoria sportivi:

1) Marco Simoncelli

2) Valentino Rossi

3) Federica Pellegrini

Personaggi celebri:

1) Belen Rodriguez

2) Nicole Minetti (scandalosa presenza ma figlia dei tempi)

3) Elisabetta Canalis

Seguono una serie di papi girls e specialmente Pippa Middleton con il suo famoso lato b…unico uomo è Vasco Rossi che con il suo diario giornaliero su Facebook ha attirato molta attenzione.

Morale della favola: nonostante la crisi a noi italiani interessano sempre culo e tette…ma va bene così!!!

Aspettiamo con ansia il 2012 e speriamo che sia un anno più stabile di questo e soprattutto ci auspichiamo che non finisca il mondo!!!

Alla prossima

Navigazione articolo