Davide Bellombra

"Voce nel silenzio"

Archivio per la categoria “Notizie curiose!”

Milano: roccaforte degli Hu!

Per chi vive, lavora o studia a Milano è ormai evidente che il capoluogo lombardo sia divenuto una vera megalopoli cosmopolita al pari di Londra, Parigi e NewYork e nella settimana della famosa fiera del design in città si sente parlare solo inglese. A confermare queste percezioni sono gli autorevoli dati anagrafici del comune di Milano, da cui emerge un quadro davvero incredibile: dopo Rossi il cognome più diffuso nella città non è Brambilla o Fumagalli, ma il cinese Hu. I due cognomi storici di Milano infatti sono stati completamente superati e ridotti al fondo di un’ipotetica classifica. Se negli anni ’60 a fare scalpore erano i cognomi meridionali, ora a creare polemiche è la massiccia presenza di cittadini di origine orientale: oltre a Hu occupano posizioni importanti anche i nominativi Chen, Zheng e Zhang e altri di origine araba. Oltre a Milano la questione interessa anche l’intero Veneto, come dimostra lo studio di  Enzo Caffarelli, docente di Onomastica all’universita’ di Roma Tor Vergata, per l’Anci.  Cognomi non certamente “padani” come Greco, Giordano, Romano, Gallo, Santoro, Messina, Caruso e Pugliese sono in rapida ascesa nella gran parte delle regioni settentrionali, tra le quali anche il Veneto. A Verona poi spiccano i cognomi senegalesi Fernando (14° posto) e Warnakulasuriya (20°) e a Treviso nella classifica dei cognomi piu’ frequenti si piazza al 29° posto l’albanese e kosovaro Gashi. A San Bonifacio, in provincia di Verona, il primo cognome in assoluto e’ Singh (cognome maschile di indiani e pakistani sikh), e il secondo Kaur (cognome femminile di indiani e pakistani sikh). Tra i primi 50 si contano inoltre un altro cognome indiano, Kumar, e altri 8 stranieri tra i 200 piu’ numerosi, tra cui senegalesi, cinesi e slavi.

Povera Lega, oltre ai numerosi scandali con cui deve convivere in questi giorni, le tocca pure sopportare un simile affronto proprio nelle regioni dove ha visto la luce!!!

Naturalmente sono ironico perchè in questi dati non ci vedo proprio nulla di preoccupante, ma anzi un segnale di progresso!

 

MA POI LA RAZZA PADANA ESISTE VERAMENTE???

La Pasqua tra sacro e profano

Vi devo chiedere innanzitutto scusa per la poco regolarità con cui sto aggiornando il blog in questi giorni, ma ho incominciato a lavorare per un giornale della mia zona e quindi ho meno tempo a disposizione…”prima il dovere e poi il piacere” come si suol dire e scrivere qui per me è una grandissima gioia!

Mi faccio perdonare immediatamente affrontando una questione che ha davvero dell’incredibile…

Come ben sapete si sta avvicinando la Santa Pasqua e con lei tutte le sue secolari tradizioni…non  mi sto certo riferendo alle dolci uova di cioccolato o all’agnello al forno o ai coniglietti di peluche, ma ai numerosi riti che si celebrano in tutto il mondo in occasione del giovedì e del venerdì santo per ricordare il calvario e la crocifissione di Gesù Cristo.

Le regioni meridionali e specialmente la Calabria sono famose per l’abbondanza di cerimonie pasquali, che, a mio modesto parere, spesso valicano i confini della pura sacralità per scivolare in un assurdo fanatismo e in una mera superstizione…mi sto riferendo in particolare alla tradizione dei “Vattienti” (“battenti” in italiano) che nella località di Verbicaro (provincia di Cosenza) si tiene nella notte del Giovedì Santo. Attesissimi dalla gente che accorre nel paese, i battenti cominciano a colpirsi sulle gambe per far affluire il sangue e poi si percuotono con il “cardillo”, pezzo di sughero sul quale è posizionato un vetro appuntito. Il sangue, che comincia ad uscire, viene bagnato con del vino e successivamente i battenti fanno il giro del paese per ben tre volte, “segnando” le strade con le mani sporche di sangue.

Il video è altamente sconsigliato alle persone facilmente impressionabili:

La “macabra” cerimonia si svolge anche a Nocera Terinese:

Nel resto del mondo non sono certo meno cruenti: infatti nelle Filippine gli abitanti festeggiano Pasqua con vere flagellazioni e crocifissioni e neppure il dipartimento della salute ha potuto fermare questo immane atto di violenza…per fortuna da poco tempo vengono usati chiodi sterilizzati. La “Semana Santa” in Spagna e specialmente in Andalusia ricorda una vera seduta del Ku-Klux-Clan.

 

In Repubblica Ceca l’assoluta protagonista è la Pomlázka, una frusta intrecciata e composta di ramoscelli di salice. Con questa nel giorno di Pasquetta i ragazzi frustano le ragazze che incontrano per strada sulle gambe come augurio di fortuna e di felicità.

In El Salvador ogni anno si tiene un rito chiamato Talciguines, rappresentazione simbolica della lotta tra Gesù e il diavolo…a vincere ovviamente è sempre il Bene!

Come avete potuto vedere le frustate non sono certo dolci e la cosa incredibile è che partecipino anche i bambini!

E’ vero che non bisogna giudicare le tradizioni e le culture straniere senza prima averle studiate a fondo, ma consentitemi di definirle davvero bizzarre se non in alcuni casi altamente pericolose!

A questo punto non mi resta che augurarvi una Pasqua serena, pacifica e tranquilla!!!

Le più grandi stranezze del 2011

Il 2012 è finalmente giunto e il mio blog riapre i battenti con la speranza di farvi ancora incuriosire, stupire e sorridere in questo nuovo anno…mi rendo conto che l’ultimo articolo sul 2011 possa aver suscitato un po’ di pensieri negativi, quindi vorrei ricordarvi l’anno appena  passato da una prospettiva più curiosa e certamente più divertente.

Ho trovato in rete una classifica molto particolare che raccoglie le dieci migliori stranezze del 2011 e alcune lasciano davvero a bocca aperta…preparatevi!!!

10° posto: Una ragazza è stata assunta come collaudatrice di spiagge, quindi viene pagata da una casa di moda per soggiornare presso le più esclusive località turistiche per poterle poi recensire…non è un lavoro che vorreste fare tutti???

9° posto: Una maestra, volendo prendersi un giorno libero, ha deciso di fare una telefonata anonima alla scuola dicendo che ci fosse una bomba. L’aspetto più curioso della storia è però che la donna lavorava solamente mezza giornata alla settimana.

8°posto: Un ragazzo ha avuto degli scrupoli dopo aver piantato della marijuana e ha deciso che fosse il caso di approfondire le possibili conseguenze. Solo che ha pensato di chiamare il 9-1-1 (il numero di emergenza negli USA) per chiedere cosa rischiasse, dimenticando che le chiamate di emergenza vengono sempre tracciate e registrate. Così, oltre a farsi spiegare che potesse essere arrestato, è riuscito a fare arrivare anche una pattuglia a casa sua che ha messo in pratica la cosa.

7° posto: Un uomo ha cercato di mettere in atto un esperimento di alchimia che avrebbe dovuto trasformare i suoi escrementi in oro. L’uomo non solo non è  riuscito nell’esperimento (cosa che era prevedibile), ma ha incendiato il condominio.

6° posto: Una ragazza per colpa di una strana malattia, non ancora compresa dai medici, si è trovata in pochi giorni a invecchiare di 50 anni, dimostrando ora l’aspetto di una settantenne.

5°posto: Dopo una cena di lavoro un capo d’azienda ubriaco ha fatto spingere la sua auto da dieci dipendenti per paura che gli ritirassero la patente.

4°posto: Un giovane ha inviato dal proprio iPhone questo messaggio alla sua fidanzata : “Ti amo e sogno il nostro Fuhrer”. Il messaggio doveva essere “Ti amo e sogno il nostro futuro”.

Ecco il podio…preparatevi a piangere dal ridere!!!

3°posto: Un giovane indonesiano dopo essere stato scoperto a fare sesso con una mucca è stato obbligato dagli anziani del villaggio a sposare l’animale come punizione e come cerimonia purificatrice per il villaggio.

2°posto: Una donna brasiliana è stata autorizzata dal giudice a masturbarsi sul posto di lavoro. Questa notizia ha suscitato molto clamore a maggio, sollevando molte polemiche anche tra i medici e gli psicologi che sostenevano come il comportamento della donna, affetta da una sorta di “ipersessualità”, dovesse essere meglio indagato, poiché era probabilmente sintomo di qualche altro disturbo.

1°posto: Un uomo ha chiamato la polizia pur di non fare sesso con sua moglie, che da mesi lo invitava in ogni modo a passare insieme dei momenti di intimità.

Robe da pazzi…è proprio il caso di dirlo!!!

Dimenticavo di informarvi su quanto mi sia divertito a Roma che, come molti di voi già mi avevano preannunciato, è proprio una città dall’eterna magia. Non so dirvi quale monumento mi sia piaciuto di più, ma certamente mi ha molto emozionato la Fontana di Trevi, anche perchè nella mia mente erano fresche queste indimenticabili scene de “La dolce vita”  del leggendario Fellini.

 

L’abc del 2011

Mancano ormai pochissimi giorni al 2012 e con un pizzico di nostalgia è ora di voltare pagina…non è certo facile dato il suo ingente peso e la miriade di lettere che in questa sono state incise…dobbiamo dire addio a un anno davvero ricco nel bene e purtroppo nel male! Il celebre magazine “Vanity Fair” è riuscito nell’impresa di confezionare un vero dizionario del 2011, che come ogni vocabolario tradizionale presenta le varie voci in ordine alfabetico, riportartando i tratti più salienti dell’anno dalla A alla Z.

A come ASSAD BASHAR: presidente della Siria e massacratore di più di 5000 contestaori.

B come BEN ALI: ex presidente tunisino costretto ad abbandonare il potere dalle masse in rivolta.

B come BIN LADEN: famoso terrorista dell’11 settembre ucciso il 2 maggio da un blitz americano.

B come BREIVIK ANDRES BEHRING: uomo che il 22 luglio nell’isoletta di Utoya ha massacrato 69 ragazzi a colpi di mitra e che ha fatto esplodere una macchina ad Oslo causando 8 morti.

B come BERLUSCONI SILVIO, che il 12 novembre alle 20:45  si è dimesso al Quirinale di fronte a una folla fischiante.

 

C come CASSERI GIANLUCA: ragioniere di Pistoia che il 13 dicembre, prima di suicidarsi con un colpo di pistola in bocca, ha ucciso per sfizio 2 Senegalesi a Firenze.

D come DE MAGISTRIS, nuovo sindaco di Napoli, e come DRAGHI, presidente della Banca centrale europea dal 1 novembre.

F come FIORELLO, che il 5 dicembre ha ottenuto il record del 50,23% di share con l’ultima puntata de #ilpiùgrandespettacolodopoilweekend e come FORNERO ELSA, attuale ministro del Lavoro e delle Pari opportunità che è scoppiata in lacrime pronunciando la parola “sacrifici” per motivi ormai ben noti.

F come FUKUSHIMA: sede del disastro nucleare che ha ridotto in ginocchio il Giappone.

G come GHEDDAFI: dittatore libico ucciso il 20 ottobre a Sirte dopo i terribili scontri iniziati il 15 febbraio.

 

I come INDIGNATI: movimento di massa giovanile nato contro la crisi che ha avuto come punti di massima visibilità Madrid e New York.

J come JOBS STEVE: celebre fondatore della Apple morto di cancro al pancreas il 5 ottobre.

K come KNOX AMANDA: assolta il 3 ottobre dopo esser stata condannata in primo grado con Raffaele Sollecito per l’assasinio di Meredith Kercer.

K come KATE MIDDLETON: nuova paladina inglese dopo il matrimonio reale con l’erede al trono William il 29 Aprile

 M come MARCHIONNE: presidente della Fiat reo di aver fatto uscire l’azienda da Confindustria e di aver buttato fuori il sindacato Fiom, costringendo gli operai a lavorare anche nel weekend.

M come MENTANA: direttore del tg di la7 che è riuscito a raggiungere persino l’11% di share mettendo in seria difficoltà i competitor dell’informazione…non a caso le sue presunte dimissioni hanno causato molta attenzione mediatica!

M come MERKEL: Cancelliera tedesca  e rigida esaminatrici dei bilanci dei 27 paesi europei. Memorabile il suo riso beffardo con Sarkozy su Berlusconi.

M come MINZOLINI: ex direttore del tg1 e fedelissimo di Berlusconi, costretto alle dimissioni dopo lo scandalo sul rimborso spese. Passerà alla storia come l’artefice del più brutto tg1 della storia.

M come MONTI: attuale presidente del Consiglio, chiamato da Napolitano per sostituire Berlusconi e per salvare l’Italia…impresa che il suo eccessivo aumento della tasse non può certo agevolare!

M come MUBARAK: dittatore egiziano costretto ad abbandonare il potere dalle folle in piazza Tahrir.

M come MURDOCH: magnate australiano accusato di spionaggio illecito e costretto a chiudere il suo celebre “News of the World”

O come OBAMA, il presidente eletto come “voce del popolo”, che ora sta affrontando una crisi senza speranze, lottando contro una proggressiva perdita di favori.

P come PAPADEMOS, nuovo primo ministro greco, come PISAPIA, nuovo e rivoluzionario sindaco di Milano e infine come PUTIN, che in Russia continua a perdere consensi.

R come il REFERENDUM che il 12-13 giugno ha portato con cifre bulgare alla vittoria dei 4 si contro la privatizzazione dell’acqua, la costruzione di centrali nucleari e il legittimo impedimento.

S come SIMONCELLI, la cui tragica morte sul circuito di Sepang del 23 ottobre  ha causato una partecipazione emotiva senza precedenti.

S come SPREAD: il differenziale tra i titoli di stato italiani e tedeschi che nel 2011 è passato da 200 a una media finale di 470…monito ineluttabile della crescente crisi italiana.

S come STRAUSS-KAHN: accusato di aver violentato una cameriera,  fu costretto alle dimissioni dal Fondo Monetario Internazionale e a rinunciare al titolo presidenziale francese…oggi la stessa donna è considerata come strumento di un complotto internazionale e l’uomo è stato assolto.

V come VERZE’: prete di 91 anni, fondatore del San Raffaele e protagonista di una serie di tangenti che si celano sotto il successo dell’ospedale. Il suo braccio destro Mario Cal s’è sparato il 18 luglio.

Avrete capito che non esageravo sottolineando la pesantezza del 2011…sicuramente non ce lo scorderemo molto facilmente, anzi credo proprio che per certi aspetti passerà alla Storia!!!

Concludo augurandovi un sereno 2012 e, anche se non si prevedono certo rose e fiori per l’anno che verrà, spero che almeno vi possiate godere a pieno la notte di San Silvestro alla faccia di tutti i problemi!!! Io passerò quattro giorni nella capitale e spero proprio di divertirmi. Colgo quest’occasione per terminare l’ultimo articolo dell’anno in modo leggero, dedicandovi “Vacanze Romane” dei Mattia Bazar.

Al 2012…

Cinepanettoni 2011…che flop!

Il Natale porta ogni anno decorazioni, regali, pranzi, cene e Neri Parenti…e non mi sto riferendo a familiari di colore, ma al famoso regista e sceneggiatore italiano che dal 2001 sforna ogni Dicembre i noti “Cinepanettoni”. Quest’anno però gli incassi del primo weekend nelle sale non sembrano promettere bene: infatti il film “Vacanze di Natale a Cortina” ha guadagnato poco meno di un milione di euro (cifra per niente soddisfacente in ambito cinematografico).  Anche a  Leonardo Pieraccioni spetta un Natale con lacrime amare…le sue cifre non si distanziano molto dal tradizionale competitor e dunque anche il suo “Finalmente la felicità” può essere definito a gran voce un incredibile flop!!! Pensate che i due cinepanettoni sono stati battuti per incasso anche da ” Il gatto con gli stivali”  e che a farla da padrone nelle classifiche cinematografiche è  “Sherlock Holmes – Gioco di ombre”, film del regista Guy Ritchie, che crea suspense e coinvolge molto il pubblico. Gli incassi del film parlano di più di 2 milioni di euro in due giorni.

Sorge allora spontaneo chiedersi…che cosa ha provocato questa disaffezione???

Sicuramente non la promozione: infatti ogni minuto tv e radio sono tempestate  dai rispettivi trailer e in ogni trasmissione ormai trovi ospiti De Sica, Sabrina Ferilli, Pieraccioni e tutta la lieta brigata.

Escluderei che sia la crisi, sennò non si spiegherebbero gli alti incassi degli altri film e poi, come spesso si è dimostrato, alla gente piace distrarsi qualche ora e ridere in tempo di magra.

Il problema dunque sta proprio nel genere…probabilmente ha stancato dopo ben 28 anni e ormai non fanno più così tanto  ridere le stesse battute. Quello che non ho mai sopportato specialmente dei film di De Sica, anche a tempi del sodalizio con Boldi, è la presunzione di voler rappresentare l’Italia con solo corna, triangoli, volgarità di ogni genere e vacanze da nababbi…sinceramente chi può permettersi un Natale a Cortina??? Pieraccioni, invece, propone trame sempre troppo scontate…si sa dall’inizio del film che tanto scoppierà l’amore con la protagonista e quindi è inutile sprecare 2 ore!!! 

Vari personaggi celebri si sono interrogati su questa tendenza come Riccardo Tozzi, presidente dell’Anica, che dice: “Non esageriamo, la commedia natalizia tradizionale è in declino, ma tutt’altro che estinta. Le prime indicazioni di quest’anno confermano un trend, che già si era manifestato, ma, anche se non sembrano più in grado di raggiungere gli esiti del passato, i cinepanettoni restano un buon investimento.” Vanzina e lo stesso De sica sostengono che ancora sia presto per giudicare e che gli incassi si analizzano solo alla fine. In realtà dietro a questo ottimismo di facciata scorgo tanta delusione e specialmente la consapevolezza che l’era dei cinepanettoni è finita.

L’unico personaggio ad esprimere la sua opinione senza peli sulla lingua è Verdone, che si sfoga sulle pagine di repubblica dicendo: “La mia impressione è che oggi il pubblico sia soprattutto alla ricerca di novità. La crisi economica costringe a selezionare maggiormente i film da andare a vedere in sala e, almeno in prima battuta, si preferiscono prodotti che promettono qualcosa di diverso.”

Sono perfettamente d’accordo con Verdone: infatti ho notato in questi ultimi tempi un’ostinata rivendicazione di qualità da parte del grande pubblico…lo dimostra il flop dell’ultima edizione del GF e di altri show…è come se caduto Berlusconi fosse finita anche l’era televisiva da lui inaugurata. Lo scopriremo solo vivendo…

Che strana è la lingua!

Sto preparando l’esame di linguistica italiana, un po’ noioso, ma a tratti anche interessante: infatti mi ha fatto capire l’assoluta insensatezza delle parole come puro insieme di lettere e di suoni…per esempio la parola “tavolo” non è nulla di più che t+a+v+o+l+o, a cui noi arbitrariamente abbiamo fornito il significato di mobile d’arredo con 4 gambe (insomma avremmo potuto benissimo chiamarlo in un altro modo e niente sarebbe cambiato). A rafforzare questa tesi è il fatto che nelle varie lingue un medesimo significato sia espresso in diversi modi (ritornando a “tavolo” in greco è “trapeza” e in tedesco “tisch”) e la cosa più interessante e divertente è che questo spesso causi effetti grotteschi. Se dicessimo a un Greco “c’è una curva”  indicando la strada, la sua reazione potrebbe essere strana perchè per lui curva significa prostituta e allo stesso modo le numerose “droga” sulle strade polacche non danno la libertà di usufruire di sostanze stupefacenti ad ogni angolo, ma sono semplici insegne (in quella lingua “droga” significa “via”). A tavola con uno spagnolo non dite mai: “passami il burro”, perchè potrebbe avere una reazione scomposta, avendogli appena dato dell’asino e ci sono poi tantissimi altri esempi divertenti che fanno capire quanto sia strana la lingua. Inoltre sicuramente molti non sapranno che alcune famose leggede e credenze religiose derivino dall’etimologia di una parola…il mito di Afrodite nata dalla spuma marina deriva dal fatto che “afros” significhi “schiuma” e il culto di Santa Lucia come protettrice della vista non può non dipendere dall’assonanza tra il suo nome e “luce”…non a caso per lo stesso motivo in Francia adorano Saint Clair (“clair” vuol dire “chiaro”) e in Germania Sankt Augustin (“auge” significa “occhio”). Non so voi ma io trovo queste informazioni molto interessanti e anche illuminanti…in fondo nulla è oggettivo e la lingua quotidianemente ce lo dimostra.

Shakespeare in maniera più poetica ci ha lasciato una bellissima testimonianza nel suo “Romeo e Giulietta” sull’insensatezza dei nomi:

Non altro che il tuo nome mi è nemico.
Tu sei te stesso, anche se tu non fossi un Montecchi.
Oh prendi un altro nome! Che cos’è Montecchi?
Non è una mano, non un piede, non un braccio, non una faccia,
Nessun’altra parte appartenente ad un uomo.
Cosa c’è in un nome? Ciò che noi chiamiamo rosa,
Chiamata con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso soave profumo.

2011: un anno di click!

L’anno sta quasi giungendo al termine ed è ora di tirare le somme di questo 2011…il primo a provarci è il famoso motore di ricerca Yahoo che ha pubblicato di recente la classifica delle parole, degli avvenimenti e dei personaggi più cercati in rete dagli italiani in questi 11 mesi. A spopolare nel web sono state le 3 B di Borsa, di Berlusconi e di Bunga Bunga, ma hanno raccolto grande successo anche eventi dalla portata internazionale come la morte di Gheddafi e il disastro di Fukushima. La prima posizione è occupata  per la seconda volta consecutiva dal social network Facebook, seguito a pochi passi dalla più grande scocciatura dell’anno in dirittura d’arrivo…il censimento 2011! New entry nella classifica delle keywords è la Borsa italiana, evidente conseguenza di questa terribile crisi, che non toglie però la voglia di svago e relax: infatti dalla seconda alla sesta posizione ritroviamo in ordine meteo, oroscopo, giochi, programmi tv e superenalotto.

Entriamo ora nello specifico…

Categoria eventi internazionali:

1) Dimissioni di Silvio Berlusconi

2) Crisi dell’ Eurozona

3) Disastro di Fukushima

4) Morte di Bin Laden

5) Guerra in Libia

6) Cattura di Gheddafi

10) Primavera araba

11) Occupy Wall Street

Categoria scandali politici:

1) Berlusconi e Bunga Bunga

2) arresto di Strauss-Kahn

3) vicenda del magnate australiano Murdoch e le intercettazioni

4) indagini su Penati e Milanese

5) caso escort e Tarantini

Categoria addii celebri:

1) campione di moto GP Marco Simoncelli

2) Amy Winehouse

3) Steve Jobs

4) Giuseppe D’Avanzo, giornalista di “Repubblica”

5)  editore Sergio Bonelli

Categoria sportivi:

1) Marco Simoncelli

2) Valentino Rossi

3) Federica Pellegrini

Personaggi celebri:

1) Belen Rodriguez

2) Nicole Minetti (scandalosa presenza ma figlia dei tempi)

3) Elisabetta Canalis

Seguono una serie di papi girls e specialmente Pippa Middleton con il suo famoso lato b…unico uomo è Vasco Rossi che con il suo diario giornaliero su Facebook ha attirato molta attenzione.

Morale della favola: nonostante la crisi a noi italiani interessano sempre culo e tette…ma va bene così!!!

Aspettiamo con ansia il 2012 e speriamo che sia un anno più stabile di questo e soprattutto ci auspichiamo che non finisca il mondo!!!

Alla prossima

Rivoluzione Twitter

Prima c’è stato MSN, poi My Space, ora stiamo vivendo il grande fenomeno di massa di Facebook…insomma, come sanno tutti, questi sono gli anni dei grandi Social Network! La vera novità è che ormai Fb sta decadendo e che la nuova tendenza si chiama Twitter (negli USA spopola ormai da anni, ma come sempre in Italia tutto arriva in ritardo). A determinare il suo successo è il fatto che piaccia alla gente che piace…qui si possono trovare giornalisti, direttori, musicisti, sportivi e politici di successo, seguire tutti i loro pensieri e persino “cinguettare ” con loro come con vicini di casa. I grandi fan di Facebook, però, possono dormire sonni tranquilli perchè Twitter non lo sostituirà mai, ma potrà rappresentare una degna alternativa: infatti sul secondo non ci sono profili e foto personali, non è specificata la propria situazione sentimentale e quindi esiste la privacy (cosa che non credo interessi ai maniaci delle condivisioni!). Su Twitter non si può cliccare “mi piace” e condividere, ma si scrive o meglio si “cinguetta” in 140 caratteri , non è fonte di facile e stupida distrazione, ma serbatoio di infinite news in tempo reale…tutto questo fa capire perfettamente perchè Twitter non potrà mai sostituire Facebook…quanti utenti di Fb riuscirebbero a produrre un contenuto di senso compiuto???   La differenza più sorprendente è che su Twitter non esistono amici ma “follower” e “following”…insomma sei libero dalla miriade di presunti amici (la maggior parte detestabili) e segui solo quello che ti interessa veramente, ridiventando padrone di te stesso.

Io mi sono iscritto da poco e per pura curiosità dopo anni di Facebok e devo ammettere che è molto interessante… sinceramente sono stato attratto da questo nuovo social network dopo il grande polverone mediatico che si è scatenato intorno a uno dei più grandi twittatori italiani Fiorello, ormai sulla bocca di tutti oltre che per il suo boom di ascolti anche per un episodio che con i “cinguettii” ha molto a che fare…

guardate…

Questo cosa dimostra???

Sicuramente che non esistono più i tg di una volta, che per una notizia del genere non avrebbero sprecato nemmeno un secondo, ma soprattutto che Twitter ha il grande potere di presentarci su un piatto d’argento difetti e debolezze di personaggi che a noi appaiono intoccabili e di diventare con la sua leggerezza e velocità fonte di innumerevoli notizie che nei tg e specialmente sulla carta stampata arriverebbero dopo ore…insomma nel bene o nel male è un’ennesima rivoluzione!

Baci shock!

Papa Benedetto XVI bacia Ahmed el Tayyeb, Imam di Al Ahzar, la moschea del Cairo

 

Il presidente USA Barak Obama  bacia Chavez

 

Obama bacia anche il presidente cinese Hu Jintao (è insaziabile!)

 

Non può mancare il bacio clamoroso tra  Nicolas Sarkozy e Angela Merkel

 

Dolci effusioni anche tra il leader del Nord Corea e il presidente del Sud Corea

 

Dulcis in fundo è amore tra il presidente palestinese Mahmoud Abbas e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu

Ecco la nuova campagna pubblicitaria firmata United Colors of Benetton, che ovviamente ha scatenato innumerevoli polemiche specialmente in Vaticano, dove sembra proprio che non abbiano apprezzato il fotomontaggio del bacio tra Sua Santità e l’Immam (tra l’altro l’irriverente foto è stata srotolata proprio a due passi da San Pietro). Dopo neanche un giorno il cartellone incriminato è scomparso nel nulla, accontentando Luca Borgomeo, presidente dell’ associazione di telespettatori cattolici Aiart, che qualche ora prima avevo dichiarato: “E’ un’offesa al cattolicesimo, ma anche un’offesa a tutti quei pubblicitari che ricercano messaggi innovativi”. Sorte diversa è toccata alle altre immagini pubblicitarie che invece sono rimaste intatte (possono essere ammirate a Milano in punti cardine della città).

 L’azienda, dopo la tempesta mediatica, ha sottolineato come l’intento sia stato nobile e per niente blasfemo: infatti appare in caratteri cubitali il messaggio “Unhate” (letteralmente: contro l’odio), dunque il fine della campagna pubblicitaria era invitare i leader del mondo a combattere l’odio che affligge da secoli i paesi in questione (naturalmente il fine implicito era proprio quello di scatenare polemiche e di accendere i riflettori sul proprio marchio…scopo ottenuto!)

Io sinceramente non mi sono sentito urtato da questi fotomontaggi, anzi li ho trovati brillanti e anche geniali…quindi peace and love!!!

Alla prossima…

Pace nel mondo o iPad2???

Ciao amici…tutti noi abbiamo sperato almeno una volta di trovare la meravigliosa lampada del Genio di Aladdin per poter esprimere i tre fatidici desideri! Mi sono sempre chiesto che cosa avrei desiderato se  fossi stato al posto dell’eroe de  “Le mille e una notte” …sarei stato egoista o generoso come lui??? E in generale come si comporterebbe l’uomo del XXI secolo di fronte a questa possibilità???

A questo riguardo ho scovato in rete uno studio condotto nel Regno Unito su 1.200 persone e commissionato dai produttori di “Grant My Wish Smartphone App”, un’ applicazione per iPhone e Android che permette di “esprimere desideri”. I risultati hanno davvero dell’incredibile…a voi l’ardua sentenza!

Ecco la “top 10” dei desideri:

1 Un milione di sterline

2 iPad 2

3 La pace nel mondo

4 Essere famosi

5 Chirurgia estetica

6 Auto sportiva

7 Villa

8 Incontrare una celebrità

9 Iniziare una propria impresa

10 Avere un guardaroba firmato (segue…Avere un McDonald in cucina)

Come avete potuto notare possedere un iPad2 sta più a cuore della pace nel mondo…stiamo diventando così superficiali e materialisti??? Il portavoce della società che ha condotto tale studio si mostra ottimista, dichiarando come ciò non dimostri un abbassamento di valori dell’uomo contemporaneo ma solo uno spiccato realismo. Penso anche io che la risposta “la pace nel mondo” sia troppo ideale e anche un po’ infantile: infatti ricorda molto i pensierini di Natale delle Elementari e anche gli slogan di stupide Miss per ottenere maggiori preferenze.

Tutto ciò mi ha fatto ricordare il divertente film “Miss detective”  di cui vi propongo alcuni secondi…

Alla prossima…

Navigazione articolo