Davide Bellombra

"Voce nel silenzio"

Sarò sempre tuo padre…

Anche quest’anno in occasione del 19 marzo i papà d’Italia sono stati omaggiati come eroi dai propri figli, che come sempre si sono  ingegnati nel reperire i simpatici gadget che l’epoca del consumismo impone. Eppure dietro la gioia di questa giornata si celano il dolore e la rabbia di milioni di padri che non solo non hanno ricevuto alcun augurio, ma non possono nemmeno godersi la crescita dei loro bambini tra una giornata dagli avvocati e una sfuriata con la ex moglie che pretende denaro. Ormai è diventata una vera piaga sociale quella dei padri separati, che in periodo di crisi tra affitto, posto di lavoro precario e mantenimento non riescono più ad arrivare a fine mese…questo spiega il perchè del suicidio di ben 2000 padri divorziati all’anno in tutto il mondo. La mia non vuole essere un’apologia dei papà separati, anche perchè spesso è loro la causa del divorzio, ma penso che i figli non debbano mai sopportare le terribili guerre legali che si scatenano alla fine di un matrimonio. Per fortuna vi sono molti genitori razionali che preferiscono trovare soluzioni pacifiche alla fine di un amore, ma a volte, quando ciò non avviene, ci si può ritrovare da un giorno all’altro senza più la possibilità di vedere i figli crescere, ridere e piangere…e cifre alla mano a subire questa ingiustizia sono soprattutto i padri. Proprio per aiutare gli uomini sprofondati in questa drammatica situazione è nata l’associazione GENITORI SOTTRATTI, che come principale obiettivo ha il benessere dei più piccoli che necessitano nella loro formazione di entrambe le figure familiari, come sottolinea la loro formula 50% papà+ 50% mamma= 100% figlio più felice. Non è certamente un calcolo complesso, ma il Tribunale dei Minori, ancora fossilizzato a mezzo secolo fa, non riesce proprio a comprenderlo, preferendo dare in pasto i bambini a sconosciuti assistenti sociali con il rischio di seri traumi psicologici. Per tutti questi motivi proprio nel giorno della Festa del papà gli attivisti dell’associazione hanno fatto sentire la loro voce a Bologna davanti al tribunale di via Farini e poi in piazza Maggiore e fuori da una scuola superiore di via Manzoni. I loro cartelli colmi di rabbia recitavano: “Se intendi separarti sappi che sei spacciato. La legge dice alcune cose che parlano di parità ed equità, ma il giudice non la osserva e in più dirà che non sei abbastanza maturo da richiedere di stare coi tuoi figli, in sostanza che sei un menefreghista”…”Poco conta che la legge sull’affido condiviso dice che entrambi i genitori devono provvedere al mantenimento dei figli. Il giudice disporrà un assegno mensile che solo tu dovrai sganciare, diventerai un nuovo povero, e col tuo stipendio farai la fame e vedrai i tuoi figli con il lumicino”. Si capisce chiaramente da queste grida disperate la loro voglia di sentirsi ancora veri padri e specialmente di non essere invisibili di fronte a uno Stato completamente passivo di fronte a questa delicata problematica.

Naturalmente le donne e le madri devono affrontare mille altri problemi, a partire dalla stessa violenza del consorte all’interno delle mure domestiche, ma questi sono quotidianamente e giustamente denunciati da tv e giornali, mentre la questione dei padri divorziati sembra essere molto sottovalutata e, nel mio piccolo, in questa settimana speciale l’ho voluta affrontare…dunque non vorrei apparire come un maschilista sempre attento ai problemi degli uomini in una società in cui le donne sono in seria difficoltà.

A proposito della parità tra sessi ho notato a malincuore che nella rubrica Personaggi Straordinari ho finora omaggiato ben 9 uomini e solo 2 donne, quindi sono aperto ai vostri suggerimenti: quale donna eccezionale merita per voi l’articolo di lunedì prossimo??? Vi do carta bianca, ricordandovi di optare per personaggi femminili presenti come prevede lo spirito della mia rubrica.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

26 pensieri su “Sarò sempre tuo padre…

  1. Propongo Dilma Roussef primo presidente donna del Sud America (Brasile).
    Ho vissuto la gioia di alcune donne brasiliane per questo evento storico.

  2. E’ triste come alcuni padri sono costretti a vivere come se terminato un matrimonio oltre ad ex mariti acquisissero anche il titolo di ex padri ed è ancora più brutto vedere come pochissimo spazio sia dedicato a questo genere di situazioni; forse perchè ancora oggi una donna che si lamenta per il problema di vedere poco i figli fa commuovere di più.

    Per la tua rubrica non so che consiglio darti sinceramente, come personaggio in questo ultimo periodo ho rivalutato molto Luxuria che smessi i pittoreschi panni ha dimostrato di essere una persona in gamba dalla tv, alla scrittura alla politica.

    un abbraccio e buona giornata

  3. icittadiniprimaditutto in ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  4. lacasadiartu in ha detto:

    Lo sai che sei sempre così bravo che a volte non vorrei che i miei commenti sembrassero solo delle noiose frasi senza senso…..però che cosa devo fare? sei sempre dentro all’argomento e sempre con la giusta cognizione!

    ps. non saprei chi consigliarti….se mi viene qualche flash ti scrivo anche su twitter!
    Mi sembra magari scontato dirti Rossella Urru….

  5. micia in ha detto:

    è davvero brutto che i padri debbano lottare per stare con i propri figli.
    La fiction era ben fatta

  6. Complimenti per l’articolo.
    Per le donne dello spettacolo direi Franca Valeri, Milva o Anna Magnani.
    Buona serata e buona domenica.

  7. Niko in ha detto:

    Bel post! … in realtà è che non dovrebbe nemmeno esistere il matrimonio.. ma questa è un’altra storia! 😉 Ciaooo

  8. Grande Davide…parapappà! Grande Davide…papapappà! Nooooo, non ci posso credere! Ho scritto un post tempo fa con il tuo stesso titolo! “Sarò sempre tuo padre” e la foto di Beppe. Che dire quindi? Sei un mito. Su queste cose, quando hai bisogno, conta pure su di me. Per la star femminile? Grace Kelly, ma anche Magnani mi piace molto come dice Chaggy. M’intriga la vita di Marylin e quella di Jacqueline Kennedy….insomma, scegli tu, tanto so già che non sarà una di queste pittoresche sembianze femminili vuote che viaggiano mostruosamente ogni giorno sui nostri schermi. Un abbraccio.

  9. Carissimo Davide, un mio parere su una donna straordinaria? Nel mondo dello spettacolo, Anna magnani, Giulietta Masina. In campo religioso, Madre Teresa di Calcutta. Nella realtà di tutti i giorni , tutte le mogli e madri del mondo sono donne straordinarie, la loro tacita pazienza, il sacrificarsi per amore senza farlo subire agli altri,e via dicendo, ne conosco tante…
    Carissimi saluti

    • C’è davvero l’imbarazzo della scelta, ma preferisco una donna esistente! Comunque hai proprio ragione quando dici che ogni donna nel suo piccolo è straordinaria!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: